13 ottobre 2017

San Saba del Mercurion

Monaco basiliano che giunse in Calabria, nell’area del Mercurion intorno al 940 insieme al fratello San Macario e ai genitori San Cristoforo di Collesano e la madre Kalì. Proveniva dalla Sicilia e giunse in Calabria al tempo dell’invasione saracena, per condurre quella vita ascetica e mistica, che in quel periodo solo la Calabria poteva offrire. Nel periodo in cui il giovane (San) Saba giunse nella regione del Mercurion, vi trovò praticati contemporaneamente tutti e tre i modelli di vita monastica: l’anacoretico, il lauritico ed il cenobitico. Il santo diffuse instancabilmente per la Calabria, la Lucania e il Cilento la vita cenobica. Tanti i trasferimenti e i pellegrinaggi dovuti alla sua fama. Ancora oggi molti luoghi dell’area del Mercurion, dove sorsero le sue lauree portano il suo nome. A san Saba furono attribuiti numerosi miracoli, soprattutto guarigioni che mostrano le sue indiscutibili competenze nel campo della pratica medica. Morì il 6 febbraio del 995 nel monastero di San Cesario del Palatino a Roma.